mercoledì 30 settembre 2009

I blogger in difesa della libertà di espressione sulla rete

Su Diritto alla Rete le ragioni per cui è importante che i blogger aderiscano alla manifestazione del 3 ottobre. Ecco l’appello che chiede due firme: una per l’appello sul sito di Repubblica, l’altro per la libertà di espressione in rete

Lo scarso impegno della politica nella diffusione della banda larga sul territorio e nell’alfabetizzazione informatica della popolazione e l’inarrestabile susseguirsi di iniziative legislative volte a scoraggiare l’utilizzo della Rete come veicolo di diffusione ed accesso all’informazione costituiscono indici sintomatici della ferma volontà di non consentire che la Rete giochi il ruolo che le è proprio: primo vero mezzo di comunicazione di massa ed esercizio della libertà di manifestazione del pensiero nella storia dell’umanità.

L’emendamento D’Alia sui filtraggi governativi dei contenuti, il DDL Carlucci contro ogni forma di anonimato, il DDL Lussana finalizzato ad accorciare la memoria della Rete, il DDL Alfano attraverso il quale si vorrebbero applicare all’intera blogosfera le disposizioni in tema di obbligo di rettifica nate per la sola carta stampata e, infine, il DDL Pecorella – Costa, con il quale ci si prefigge l’obiettivo di trasformare ex lege l’intera Rete in un immenso quotidiano e trattare tutti i suoi utenti da giornalisti, direttori o editori di giornali non possono lasciare indifferenti.
Esiste il rischio, ed è elevato, che ci si risvegli un giorno non troppo lontano e ci si accorga che la Rete è spenta e che la prima e l’ultima speranza di uno spazio per l’informazione libera è naufragata.

Muovendo da tali premesse riteniamo importante che la blogosfera e la Rete italiana partecipino alla manifestazione del 3 ottobre per la libertà di informazione, sottolineando che esiste una “questione informazione in Rete” che non può e non deve passare inosservata perché se la libertà della stampa concerne il presente quella della blogosfera riguarda, oltre il presente, il futuro prossimo di ciascuno di noi.
L’auspicio è pertanto che quanti hanno a cuore le sorti dell’informazione in Rete, il 3 ottobre aderiscano alla manifestazione chiedendo alla politica che, in futuro, ogni iniziativa governativa o legislativa si ispiri a questi elementari principi di libertà e democrazia che costituiscono la versione moderna dell’art. 11 della dichiarazione universale dei diritti dell’uomo e del cittadino:
La libera comunicazione dei pensieri e delle opinioni è uno dei diritti più preziosi per l’uomo: quindi ogni cittadino può parlare, scrivere, pubblicare in Rete liberamente, salvo a rispondere dell’abuso di questa libertà nei casi determinati dalla legge.
Nessun sito internet può formare oggetto di sequestro o di altro provvedimento che ne limiti o impedisca l’acceso se non in forza di un provvedimento emesso dall’Autorità giudiziaria nell’ambito di un giusto processo.

L’attività di informazione on-line di tipo non professionistico e non gestita in forma imprenditoriale è libera ed il suo svolgimento non può essere soggetto ad alcun genere di registrazione o altro adempimento burocratico.
La disciplina sulla stampa e quella sull’editoria non si applicano alle attività di informazione on-line svolte in forma non professionistica ed imprenditoriale.
Nessuno deve venir molestato per le sue opinioni, fossero anche sediziose, purché la loro manifestazione non turbi l’ordine pubblico stabilito dalla legge.

Guido Scorza – Istituto per le politiche dell’innovazione (guidoscorza.it)
Vittorio Zambardino – Scene digitali (La Repubblica)
Alessandro Gilioli – Piovono rane (L’Espresso)
Enzo Di Frenna - enzodifrennablog.it (giornalista)
Arturo di Corinto – Free hardware Foundation
Marco Contini – Società Pannunzio per la libertà di informazione
Ernesto Belisario – Istituto per le politiche dell’innovazione
Claudio Messora - Byoblu.con
Vincenzo Vita – Senatore della Repubblica
Giuseppe Giulietti – Portavoce Articolo 21

Sorpassi azzardati in galleria a Seiano...


VICO EQUENSE - Folli al volante che sotto la galleria di Seiano effettuano sorpassi multipli mettendo seriamente a rischio la sicurezza e la vita. L'obiettivo dei nostri fotografi è riuscito a cogliere in sequenza due auto che effettuano più sorpassi in direzione Sorrento. I controlli delle forze dell'ordine, soprattutto nelle ore pomeridiano-serali, sono scarsi e questi folli del volante se la spassano alla faccia di chi è rispettoso delle segnaletica e del codice della strada. E le auto civetta...dove sono?

A Vico Equense la festa dei nonni...

La città di Vico Equense si prepara per festeggiare tutti i nonni del territorio. L’appuntamento non coincide con quello nazionale ma è bensì previsto per sabato 3 ottobre. Alle ore 18,00, presso il chiostro della Santissima Trinità, verrà celebrata la Santa Messa dedicata ai “nonni che mantengono vivo il dialogo tra le generazioni e trasmettono i valori fondanti del vivere civile”. Al termine della funzione religiosa ci sarà un momento di intrattenimento durante il quale gli alunni degli istituti primari del primo e secondo circolo didattico leggeranno le poesie e spiegheranno i lavori dedicati ai nonni, svolti a scuola in queste settimane. All’iniziativa, organizzata e promossa dall’assessorato alle politiche sociali del Comune di Vico Equense in collaborazione con il Centro polifunzionale per le persone anziane e il Piano sociale di zona Na13, parteciperanno istituzioni locali, presidi, docenti e studenti degli istituti scolastici del territorio e, soprattutto, i nonni. La presenza del Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano non è stata confermata a causa di “concomitanti impegni istituzionali”, come scritto nella lettera che il Presidente ha inviato al sindaco Gennaro Cinque l’8 settembre.
“Fare il nonno è un ruolo importante e impegnativo – afferma Raffaele Esposito, assessore alle politiche sociali – che diventa sempre più complicato da svolgere. Oggi non è più come una volta, non esiste più la famiglia di un tempo, quando si stava insieme e vicini quotidianamente. Il nonno, dunque, deve fare uno sforzo in più e avere una maggiore abilità nel mantenere forte quel legame che tiene uniti i componenti della famiglia e costante il rapporto con i nipoti. Rappresenta la guida e non è facile. Per tali motivi l’Amministrazione vuole festeggiare i nonni e dirgli ‘grazie’”.
“La prima edizione della giornata per i nonni – spiega Pino Visconti, presidente del Centro polifunzionale per le persone anziane – a Vico Equense risale al 2003, due anni prima dell’istituzione della festa nazionale dei nonni. Questo testimonia la grande sensibilità che la città possiede nei confronti delle persone che svolgono l’arte di essere nonni”.

Etichette:

martedì 29 settembre 2009

PDL, il siluro di Vito Alfredo a Nicola Cosentino!

Ci è andato giù duro ex mister centomila preferenze, l'ex on. Alfredo Vito: ho soffiato all'orecchio di chi di dovere (l'On. Quaglieriello) che sono in arrivo grane giudiziarie scabrose per Nicola Cosentino, sottosegretario all'economia nel governo-Berlusconi e coordinatore campano del PDL, ansioso di essere promosso alla guida della Regione Campania. Prospettiva sfumata, dopo le prime scaramucce, e Vito Alfredo si è preso la rivincita sul duo Cosentino-Cesaro che l'aveva scalzato dal partito napoletano. La pazienza è la virtù dei forti...e Vito sicuramente è uno forte assai. Al momento giusto si è fatto vivo e per Cosentino c'è solo da ripiegare sulla presidenza della Provincia di Caserta. Domanda: ma non gli basta essere sottosegretario di governo? Perchè tutti questi onorevoli parlamentari si fanno eleggere pure alla guida degli enti territoriali dove benissimo potrebbero trovar posto altre figure del mondo politico, lasciando i "big" a lavorare a Roma? E' un interrogativo su cui riflettere perchè è chiaro che si punta alla gestione del potere e delle risorse connesse che, a livello parlamentare e governativo, può essere esercizio notevolmente più complesso e sicuramente più esposto ai controlli e alle critiche.
Insomma il vecchio Vito Alfredo ha colpito ancora una volta e Berlusconi alla fine dovrà scegliere tra Stefano Caldoro, vecchio socialista e già ministro in qualche passato governo, e l'attuale presidente degli Industriali napoletani, Gianni Lettieri. Alla fine prevarrà Caldoro ed è possibile che il centro-destra perda l'opportunità di aggiudicarsi la regione Campania dove il grande manovratore Bassolino sta facendo il bello e il cattivo tempo!
La povere ministra Carfagna ha fatto solo da specchietto per le allodole e rischia di ritorvarsi presto a casa perchè nel salernitano scalpitano per "farla fuori".
Si sta lavorando al post-Berlusconi e nei territori si cominciano a "tagliare le teste", anche a costo di ritrovarsi con l'immondizia per le strade alle vigilia delle elezioni...

Etichette:

lunedì 28 settembre 2009

PDL, l'intervento del Sen. Lauro al convegno di Napoli

NAPOLI - Parlando, a conclusione dei lavori del convegno nazionale su “Questione meridionale, come questione nazionale”, organizzata, presso il Palazzo Reale di Napoli, dai Gruppi PdL della Camera e del Senato, il sen. Raffaele Lauro ha affrontato il nodo del neocentralismo regionale e del rinnovamento della classe dirigente: “Se Zanardelli tornasse a visitare il Mezzogiorno, come fece, nel 1902, da primo ministro del Regno d’Italia, troverebbe la questione meridionale ancor più complicata da affrontare di allora. I condizionamenti allo sviluppo civile ed economico del Mezzogiorno, al di là delle apparenze, sono oggi ancor più difficili da risolvere: il dualismo economico tra Nord e Sud si è accentuato; moltissime risorse sono state dilapidate; la questione criminale è diventata, anch’essa, questione nazionale; le classi dirigenti del Sud sembrano incapaci di uscire dalle logiche gattopardesche; il Mezzogiorno è segmentato e non omogeneo. Il documento di base, presentato dai Gruppi per la discussione, è un’eccellente radiografia della situazione, tuttavia non mette nella dovuta evidenza il pericolo già denunziato dai meridionalisti democratici, alla vigilia dell’introduzione, in applicazione della Costituzione, dell’istituto regionale: il neocentralismo. Ad uno Stato centralizzato ed inaccessibile, si sono sostituiti i governi regionali della Campania, della Puglia, della Calabria, della Basilicata e della Sicilia, altrettanto, quanto ancor più, inaccessibili. Era più facile ad un Sindaco farsi ricevere da un dirigente ministeriale, che, oggi, da un dirigente regionale. Le istituzioni regionali del Sud sembrano rocche impenetrabili, non collegate tra loro da un progetto strategico, ma bramose di impegnare le risorse disponibili in una perversa logica padronale e meramente conservatrice del potere personale, familistico o di gruppi collegati, che prescinde da una filosofia macroregionale dello sviluppo, che il centro e il nord del paese praticano con efficacia. Manca un progettualità prospettica, finalizzata a sciogliere i nodi infrastrutturali, in un’ottica non meramente localistica od egoistica. Quindi si pone il problema non tanto di scegliere i candidati governatori, quanto quello, più arduo, di rinnovare l’intera classe dirigente regionale, che ha fallito. Questo è un problema totalmente politico e di etica politica, che solo i partiti nazionali possono tentare di sciogliere. Se non si rinnova la classe dirigente altre risorse saranno dilapidate, con pochi tangibili risultati per le comunità meridionali, alla vigilia dell’introduzione di un federalismo che non lascerà scampo alle inerzie e alle miopie. Ben venga la Banca del Sud o la collaborazione con il CNR, come ha annunziato Tremonti, ma ciò non basterà, se non si parte dal rinnovamento del personale politico. Spetta, innanzi tutto al PdL, partito nazionale per definizione e per consenso, iniziare l’opera, alla vigilia dell’appuntamento elettorale regionale del 2010. Altrimenti tutto sarà vano e il Mezzogiorno andrà alla deriva, una deriva tutta africana, lontana anni luce dall’Unione Europea!

Regione Campania, i prezzi per l'installazione dei decoder

NAPOLI - In Campania i prezzi degli interventi necessari per adeguare gli impianti televisivi alla ricezione del segnale digitale saranno tra più bassi d'Italia, tra le Regioni che passeranno al digitale terrestre entro l'anno.
E' questo il frutto della proposta presentata dalle associazioni regionali di categoria CNA e CLAAI nel corso di una riunione tenutasi a palazzo Santa Lucia con i dirigenti della Regione Campania, del Corecom e del Dipartimento Comunicazioni del ministero dello Sviluppo Economico.
L'iniziativa è volta a tutelare le fasce più deboli, in particolar modo anziani e famiglie a basso reddito, promuovendo le imprese in regola e contrastando il sommerso. Con l'avvicinarsi dello switch over (14 ottobre) e dello switch off (1-16 dicembre) ci sarà una maggiore necessità di adeguare gli impianti di ricezione obsoleti e di installare i nuovi decoder.
Attraverso l'impegno delle istituzioni, delle associazioni di categoria e dei consumatori (Adiconsum, Federconsumatori, Assoutenti), i cittadini campani potranno dunque usufruire di un prezziario trasparente per ogni tipologia di intervento. Questo il tariffario proposto, che sarà pubblicato nei prossimi giorni sui siti internet di Regione e Ministero insieme all'elenco di tecnici e installatori che aderiranno all'iniziativa, oltre che diffuso attraverso un'apposita campagna di comunicazione:

I prezzi indicati sono comprensivi di IVA
• Installazione decoder standard € 25,00
• Installazione max 3 decoder € 35,00
• Impianto singolo standard (Larga banda - Palo zincato m.4 - staffe - Cavo max 30m) € 120,00
• Impianto singolo standard + amplificatore € 150,00
• Impianto singolo standard + amplificatore + 2^ antenna € 180,00
• Impianto satellitare (cavo max 30m.) € 120,00

I lavori dovranno essere svolti esclusivamente da aziende abilitate e da tecnici qualificati per la tipologia di installazione richiesta. Chiamando il numero verde del ministero 800.022.000 sarà possibile conoscere già dai prossimi giorni l'elenco degli installatori abilitati.

Etichette:

domenica 27 settembre 2009

Piano di Sorrento, il Sindaco Ruggiero...assediato in casa!

PIANO DI SORRENTO - Come si spiega la fibrillazione elettorale a Piano di Sorrento quando mancano quasi due anni alle elezioni? L'insistenza con cui l'assessore Francesco Gargiulo si presenta come possibile candidato sindaco alle prossime amministrative è il sintomo del fallimento dell'esperienza-Ruggiero o è l'espressione di una follia contaminante per la quale chiunque si sente un "unto dal signore" pronto ad assumere la guida di un'amministrazione? E' chiaro che a questo punto il Sindaco Giovanni Ruggiero non può continuare ad amministrare come nulla fosse un esecutivo dove ci sono almeno 2 assessori che, più o meno apertamente, sono pronti a indossare la casacca di futuro sfidante: Francesco Gargiulo e Vincenzo Iaccarino. E questo senza contare l'Assessore al bilancio Geppino Russo da sempre fortemente critico nei confronti di quella che viene considerata la diarchia "Ruggiero-Cappiello" e l'Assessore Mario Russo che non può essere sicuramente intruppato e gioca libero da ogni legame!
Il tutto senza considerare che all'opposizione Giovanni Iaccarino è il punto di riferimento di un gruppo in grado di mettere insieme una corazzata elettorale preoccupante che potrebbe addirittura incontrarsi con frange della maggioranza dissidente.
Sempre nella maggioranza i mal di pancia anche dei consiglieri aumentano e questo la dice lunga sulla stabilità di un'amministrazione dove le ambizioni sono troppe e stridenti rispetto all'impostazione di governo voluta dal Sindaco.
L'adesione di un quartetto di consiglieri di minoranza alla maggioranza ha provocato l'implosione della stessa sia perchè questo "rinforzo" non è piaciuto ai più della lista-Ruggiero, sia perchè si riducono gli spazi di agibilità politico-amministrativa futura e di chi è stato alla finestra nella prima esperienza consiliare, ma ambisce a una promozione assessoriale.
Secondo i soliti bene informati la stessa iniziativa dell'assessore Francesco Gargiulo potrebbe essere diretta da un regista d'eccellenza, l'ex sindaco Luigi Iaccarino, che vedrebbe il ritorno all'ovile di Gargiulo, cioè di un uomo che è sempre stato annoverato come un suo fedelissimo.
Se l'Assessore Gargiulo alla fine dovesse passare armi e bagagli con Luigi e Gianni Iaccarino, allora è chiaro che per Ruggiero la riconferma a sindaco si complica...e non poco.
L'assessore Francesco Gargiulo, che fino a qualche settimana fa preannunciava il proprio ritiro dalla vita politica, potrebbe aver deciso di alzare il tiro per il venir meno di una prospettiva che lo riguarderebbe: la sua possibile assunzione in Penisola Verde, la società che sovrintende alla raccolta dei rifiuti e che è diretta da Luigi Cuomo.
Qualcosa forse non sarebbe andata per il verso giusto per cui l'Assessore avrebbe deciso di smuovere le acque mettendo così a rischio la stabilità dell'esecutivo di Ruggiero.

Etichette:

sabato 26 settembre 2009

Sagristani in crescita di consensi come futuro sindaco di Sorrento

SORRENTO - Abbiamo svolto una rilevazione telefonica su un campione di 100 famiglie sorrentine per rilevare un indice di gradimento sul possibbile futuro sindaco di Sorrento.
Abbiamo proposto una quaterna di nomi scelti fra quelli che abbiamo proposto nel nostro sondaggio oltre alla quinta opzione di esclusione di tutti e 4 i candidati.
QUesto il risultato del rilevamento:
1°: Pietro Sagristani con il 35%
2°: Rosario Fiorentino con il 20%
3°: Giuseppe Cuomo con il 18%
4°: Emilio Moretticon il 7%
nessuno dei 4 nominativi: 10%
Per quanto concerne le indiscrezioni politiche, nelle prossime settimane la giunta comunale potrebbe perdere qualche altro pezzo in vista dell'ormai prossima scadenza elettorale. In effetti la nomina a vice sindaco di Rosario Fiorentino ha lasciato fortimalumori nell'esecutivo che ha letto la scelta del Sindaco alla stregua di un'investitura, perchè come tale viene percepita dalla pubblica opinione.
Fiorentino è l'unico assessore a poter vantare una longevità amministrativa di legislatura, circostanza che va stretta a quanti ormai lavorano a nuovi scenari politici e che vedono in forte crescita proprio la candidatura di Sagristani che sta suggellando alleanze ritenute strategiche ai fini del successo elettorale.
Il Sindaco uscente intanto continua a far pressing su Giuseppe Cuomo affinchè sciolga le riserve e si decida a scendere in campo come candidato sindaco, mentre il PDL, ancora in attesa della nomina del coordinatore cittadino che scaturirà all'indomani dell'assise napoletana del 3 ottobre, ha convocato per tramite il coordinatore Giuseppe Stinga una una riunione organizzativa per lunedì sera con l'intento di mettere in moto la macchina elettorale.
Si vocifera che anche l'ex consigleire e assessore Federico Gargiulo sia intenzionato a presentare la propria candidatura a sindaco e la fibrillazione pre-elettorale si palpa a vista.

Etichette:

venerdì 25 settembre 2009

Consigli comunali alle prese con gli assestamenti di bilancio e con problemi interni

Entro il 30 settembre dovranno riunirsi i consigli comunali per procedere all'approvazione dell'assestamento di bilancio dell'esercizio finanziario in corso ed approvare i cosiddetti "debiti fuori bilancio", spese fatte irregolarmente dagli Enti, ma che hanno prodotto un effetto sulla sua attività, circostanza per la quale gli amministratori sono tenuti a decidere se la spesa sia risultata vantaggiosa o meno per gli interessi dell'Ente. Nel qual caso essa viene liquidata; diversamente la responsabilità di una spesa irregolare dovrebbe ricadere su chi l'ha effettuata. Ma si tratta di un'eccezione che conferma la regola del malgoverno perchè con questo sistema si riesce ad alimentare subdolamente il circuito clientelare.
Se un debito fuori bilancio viene "riconosciuto", cioè pagato al creditore, a seguito della specifica delibera adottata dal consiglio comunale qualora questo dovesse risultare irregolarmente assunto e liquidato sarà addebitato a tutti i consiglieri che l'hanno approvato.
Non si tratta perciò di atti da assumersi con superficialità, tanto più quanto sono datati addirittura 20 anni prima, come nel caso del Comune di Piano di Sorrento il cui Consiglio è chiamato a discutere ed approvare debiti assunti da precedenti amministrazioni delle quali solo alcuni consiglieri o assessori calcano ancora la scena politica locale.
A Sant'Agnello invece il consigliere di minoranza Antonio Coppola ha chiesto al neo presidente del consiglio comunale, Giovanni Salvati, di istituire l'anagrafe fiscale degli amministratori locali "perchè i cittadini devono conoscere i redditi degli amministratori e quanto guadagnano nell'esercizio delle proprie funzioni". La parola passa al consiglio comunale di Sant'Agnello che, in caso di approvazione della mozione, si aggiudicherà un primato nazionale visto che sull'argomento non si registra ancora un univoco orientamento del Parlamento.
Sempre a Sant'Agnello si prospetta un altro problema per il sindaco Orlando: il mancato rispetto delle pari opportunità negli organi di governo. Nel caso la giunta, visto che nessuna donna, ancorchè candidata in entrambe le liste alle ultime amministrative, è stata nominata assessore.
A seguito del pronunciamento del Tar di Lecce è stata bocciata la giunta provinciale di Taranto che non vedeva nominata assessore alcuna donna. Il presidente ha un mese di tempo per riparare all'errore altrimenti sarà sciolto il consiglio.
Se dovesse valere la stessa regola per l'Amministrazione santanellese, sfumerebbe di fatto l'annunciato reintegro di Giuseppe Coppola nell'esecutivo perchè Orlando dovrà dimissionare un assessore e nominare una donna al suo posto.
Sull'argomento del rispetto delle pari opportunità si è registrata una convergenza di opinione della Ministra Mara Carfagna (PDL) e dell'ex ministro PD Barbara Pollastrini.
Non appena il consigliere Antonio Coppola verrà a conoscenza della sentenza, sicuramente provvederà a "interrogare" il Sindaco sull'applicazione della norma.
Sempre a Sant'Agnello occorre procedere all'elezione del difensore civico a distanza di oltre un anno dall'insediamento della nuova amministrazione. A questo punto il Consiglio comunale è chiamato a scegliere tra i tre candidati o, qualora non raggiungesse un accordo, di riaprire il bando pubblico per assicurare al Paese il tutore dei diritti dei cittadini.

Etichette:

Protesta Fincantieri, bloccata la Sorrentina. Il comunicato del Sen. Raffaele Lauro

ROMA - Il Sen. Raffaele Lauro è stato stamane in costante contatto con il Prefetto di Napoli, Alessandro Pansa, per arrivare allo sblocco della statale sorrentia interrotta alla circolazione per la manifestazione indetta degli operai Fincantieri. Lauro ha dichiarato: "Mentre i tavoli a Roma procendono non si comprende questa recrudescenza della protesta che danneggia seriamente l'economia turistica di Sorrento. Non vorrei che ci fossero infiltrazioni anomale che nulla hanno a che fare con i lavoratori della Fincantieri di Castellammare di Stabia".
In effetti come avevano preannunciato gli Operai dello stabilimento hanno interrotto la circolazione a partire dalle 8 di questa mattina provocando la paralisi del traffico in entrata e in uscita dalla Costiera, con pesantissime ripercussioni sulla mobilità sia dei pendolari, sia dei turisti.

giovedì 24 settembre 2009

Vico Equense, secondo il Sindaco nessuna violenza a Ticciano

Pubblichiamo il comunicato inviatoci dal portavoce del sindaco Gennaro Cinque. I genitori e il comitato vicano che volessero un proprio spazio in contraddittorio possono inviare a: toderty@gmail.com il proprio comunicato.

VICO EQUENSE - “Sulla situazione delle scuole in città continua la costante strumentalizzazione politica contro la verità dei fatti e l’interesse generale – ha detto il Sindaco di Vico Equense Gennaro Cinque -. Anzitutto, nella giornata di martedì non c’è stato alcun atto di violenza nei confronti di chicchessia nei presi della scuola di Ticciano,dove alcune persone, da settimane, impedivano ai dipendenti comunali l’accesso all’edificio scolastico. Quando sono intervenuto per consentire l’ingresso ai locali erano presenti alcuni uomini della polizia di stato e del corpo dei vigili urbani. Invito tutti ad abbassare i toni, abbattere gli steccati ed eliminare le contrapposizioni pregiudiziali che non servono a nulla. Mettiamo al centro l’interesse più importante che è quello dei bambini, della loro crescita umana e culturale. Siamo andati avanti nell’attuazione del piano predisposto dal Comune per le scuole solo perché a pochi giorni dall’inizio dell’anno scolastico restava l’unica soluzione logica perseguibile al fine di assicurare il diritto allo studio ai nostri alunni. Tengo a precisare che alla base delle scelte fatte c’è una programmazione che punta ad offrire una formazione adeguata in ambienti idonei. E’ importante non guardare alle singole variazioni, ma al progetto in cui sono inserite. Un progetto che ha come obiettivo il rilancio della condizione generale delle scuole a Vico Equense. E questo sia in termini di strutture, sia per quanto riguarda l’offerta formativa. Il resto è il solito stantio chiacchiericcio, alimentato ad arte e strumentalizzato da chi vive nella logica del tanto peggio, tanto meglio”

Etichette:

Vico Equense, il Governo risponde all'interrogazione presentata dall'On. Nicolais

Il Comune di Vico Equense non ha violato la legge nella realizzazione delle principali opere pubbliche che hanno interessato l’intero territorio cittadino. Questo giudizio è contenuto nella risposta che il Sottosegretario all’Ambiente Roberto Menia ha fornito, di recente, all’On. Luigi Nicolais.
Il deputato del Partito Democratico nei mesi scorsi aveva sollecitato una verifica sull’allargamento di Via Raffaele Bosco e di Via Antignano e sui lavori di riqualificazione della “Marina di Vico”, del parcheggio interrato di Piazza Mercato e della gestione dei fondi comunitari.
Per questi interventi il parlamentare ha sollevato diverse contestazioni: dal mancato rispetto del codice degli appalti, a vizi nell’iter procedurale, oltre alla mancata acquisizione dei pareri previsti. Alla base dell’interrogazione gli esposti presentati dai consiglieri di minoranza e da alcuni gruppi ambientalisti. Di seguito riportiamo, per ciascun argomento, la risposta fornita dal Governo sulla base degli atti trasmessi da tutte le Amministrazioni interessate.
Piazza Mercato
In ordine ai lavori di piazza Mercato, in data 21 gennaio 2009, il responsabile unico del procedimento del servizio lavori pubblici del comune di Vico Equense ha comunicato che i lavori sono stati ultimati e che allo stato era in corso il collaudo tecnico-amministrativo dell'opera a cura dell'ing. Luigi Vinci, presidente dell'ordine degli ingegneri della provincia di Napoli.
Marina di Vico
In ordine ai lavori di riqualificazione dei moli esistenti nel Borgo di Marina di Vico, l'assessorato all'ambiente della regione Campania ha comunicato che tale progetto è stato sottoposto a procedura ambientale.
I progetti sono stati esaminati dalla commissione per la valutazione dell'impatto ambientale della regione Campania nella seduta del 10 novembre 2006 e la predetta commissione ha espresso parere favorevole di valutazione di incidenza, subordinato all'acquisizione del parere della direzione regionale per i beni culturali e paesaggistici.
Con i decreti assessorili 307 e 308 del 6 luglio 2007 si è preso atto che il comune di Vico Equense ha trasmesso il parere richiesto della direzione regionale per i beni culturali e paesaggistici e si è confermato il parere della commissione per la valutazione di impatto ambientale del 10 novembre 2006.
L'autorità di bacino del Sarno, nella seduta del 29 ottobre 2007 sul progetto ha espresso il seguente parere: il progetto in esame (lotto a) è compatibile con la vigente pianificazione dell'autorità di bacino del Sarno.
Lavori Via Antignano
In via Antignano i lavori sono stati autorizzati sotto il profilo paesaggistico dal comune di Vico Equense e la soprintendenza per i beni architettonici e paesaggistici non ha ritenuto suscettibile di annullamento il provvedimento relativo. Il citato ufficio, a seguito della denuncia, richiamata nell'interrogazione, presentata dal WWF Italia, ha informato nel contempo le istituzioni competenti e chiesto al comune notizie al riguardo. In data 8 ottobre 2008 l'amministrazione comunale ha comunicato che i materiali di risulta provenienti dai lavori di scavo erano stati rimossi e si sarebbe proceduto ad una accurata manutenzione ordinaria e straordinaria dell'alveo al fine di eliminare la vegetazione spontanea e gli accumuli di materiali.
Via Raffaele Bosco
Via Raffaele Bosco è tra gli assi della viabilità fondamentale della penisola e il vigente piano urbanistico territoriale dell'area sorrentina-amalfitana, approvato con legge regionale 35 del 1987, non ne vieta l'adeguamento. Infatti, con decreto n. 145 del 2003 il comune di Vico Equense ha autorizzato ai fini paesaggistici i «lavori di sistemazione e messa in sicurezza di via R. Bosco» relativi a 24 tratti stradali, con opere di manutenzione ordinaria, straordinaria, rettifica del tracciato e tratti in ampliamento della sede stradale, secondo tre tipologie di intervento.
La soprintendenza ha ritenuto che non ricorressero al riguardo motivi per procedere all'annullamento del decreto.
Successivamente, il comune ha approvato ai fini paesaggistici il progetto di variante e la soprintendenza ha confermato l'autorizzazione paesaggistica resa, ritenendo che non ricorressero motivi per l'annullamento visto che la nuova proposta progettuale era certamente migliorativa rispetto al progetto del 2003.
L'autorità di bacino del Sarno ha espresso parere favorevole in ordine ai progetti relativi alla sistemazione idrogeologica e consolidamento del versante lato valle della via R. Bosco e la messa in sicurezza di un tratto di via R. Bosco, compreso fra le frazioni Moiano e Ticciano.
Fondi Comunitari
Riguardo all'utilizzazione di risorse del programma operativo (POR) della regione Campania per la realizzazione delle opere pubbliche, si fa presente che, ai sensi dell'articolo 34 del regolamento (CE) n. 1260/1999, la responsabilità dell'efficacia e della regolarità di attuazione degli interventi, ricade esclusivamente sull'autorità di gestione del programma che, nel caso di specie, è la regione Campania. Pertanto ogni addebito eventualmente scaturente dalle indagini dell'autorità giudiziaria non potrà che far carico alla predetta Regione, che dovrà provvedere ad adottare le necessarie misure correttive.


NOTA:
Non si intende polemizzare col Comune di Vico Equense, ma è evidente che il Governo risponde alle interrogazioni parlamentari a seguito dell'assunzione delle relative informazioni presso la sede interessata, in questo caso il Comune di Vico Equense.
Interpellato l'Ente ha dovuto fornire le informazioni su queste opere pubbliche che sono diventate la risposta all'interrogazione dell'On. Nicolais.
Ovviamente il ragionamento vale per tutti gli enti, i contesti e così via per cui spesso l'iniziativa parlamentare non assume un senso e un'implicazione specifiche.
by Derty

Etichette:

mercoledì 23 settembre 2009

Andrea Liguori leader del "Movimento Civico Lista Torna@Sorrento"

SORRENTO - COME è NATO QUESTO MOVIMENTO CIVICO E L'IDEA DI PRESENTARSI CON ESSO ALLE
PROSSIME ELEZIONI COMUNALI?

IL movimento nasce con l'intento principale di contribuire ad un radicale
ricambio generazionale e culturale a Sorrento,ormai da anni in uno stato ti
torpore politico-amministrativo e sociale
.
CON IL TERMINE TORPORE COSA INTENDI ?
C'è una situazione di sonno profondo dove l'intera comunità è ferma , statica
e le migliori energie sono inutilizzate.
Sorrento è come una Ferrari ferma ai box senza benzina , ecco noi giovani con
le nostre idee e con il nostro entusiasmo siamo il carburante necessario per
farla ripartire agli occhi del mondo intero .

BELLA METAFORA MA PERCHE è FINITA LA BENZINA ?
strong>> Sorrento vive di ricordi e non guarda al futuro , l'oligarchia ventennale che
la circonda ha reso tutto questo possibile ;
ci sono troppe persone nelle istituzioni che pensano ai soli "interessi
personali" e non al bene del paese.
Un esempio molto chiaro e recente è dato dalla fuga in massa dall'attuale
maggioranza ,attuata dai soliti oppurtunisti voltabandiera il tutto
naturalmente . . . a pochi mesi dall'elezioni
INFATTI MANCA POCO ALLE ELEZIONI VOI COSA PROPORRETE ?Sono molti i punti su cui riflettere e proporre in primis
-RILANCIO DEL TURISMO
-RIVALORIZZAZIONE DEI PRODOTTI TIPICI DELLA NOSTRA TERRA COME LIMONCELLO ,
OLIO NOCI etc etc .
-RILANCIO DELL'ARTIGIANATO TIPICO DELL'INTARSIO SORRENTINO
-CREAZIONE DI INFRASTRUTTURE CHE VADANO BEN OLTRE I SOLITI PARCHEGGI E CHE
POSSANO GARANTIRE NUMEROSI POSTI DI LAVORO
-MEZZI PUBBLICI ADEGUATI
-RIQUALIFICAZIONE DI MOLTE AREE DELLA CITTà LASCIATE AL TOTALE ABBANDONO
-ECCELLERE NELLE STRUTTURE OSPEDALIERE E SCOLASTICHE
Questi sono solo i principali punti del nostro programma.

Etichette:

Provincia di Napoli, Nicolais si dimette

NAPOLI - L'On. Gino Nicolais, consigliere provinciale del PD e sfidante dell'On. Luigi Cesaro (PDL) alle elezioni della scorsa primavera, ha rassegnato le dimissioni dal carica per l'impossibilità di conciliare il mandato parlamentare con quello di amministratore della Provincia di Napoli.
Gli subentra Elisabetta Gambardella, decima e prima dei non eletti nella lista del Partito Democratico con 6.603 voti, pari al 26,58% nel Collegio Napoli IX.
A darne la notizia è il sito dell'Associazione "Napoli punto a capo". "Il consigliere Luigi Nicolais, del gruppo del Partito Democratico alla Provincia di Napoli, in una lettera indirizzata al presidente dell’Assemblea di Santa Maria la Nova, Luigi Rispoli, ha comunicato la propria decisione di dimettersi dal Consiglio provinciale. Nicolais era stato il candidato alla presidenza della Provincia della coalizione di centrosinistra alle elezioni dello scorso giugno. «Ora che le attività del Consiglio sono pienamente avviate - spiega Nicolais - con la discussione delle linee programmatiche, la presentazione della Giunta e la composizione di tutte le Commissioni, ritengo sia necessario un impegno continuativo di tutti i componenti dell’Assemblea».
«Devo, purtroppo, constatare - aggiunge l’esponente del Pd - che l’esercizio del mandato parlamentare, quale vice presidente della Commissione permanente Cultura, Scienze ed Istruzione della Camera, non mi consente di svolgere il ruolo di consigliere provinciale in maniera piena e rispettosa delle attività dell’Assemblea e delle relative commissioni». «Per questo motivo - si legge nel testo - rassegno le mie dimissioni da componente del Consiglio della Provincia di Napoli». «Auguro - conclude l’ex ministro - al presidente della Provincia, al presidente del Consiglio provinciale ed ai Consiglieri tutti lo svolgimento di un mandato istituzionale proficuo nella consapevolezza che potranno sempre contare sul mio sostegno di Deputato della Repubblica».
Ricevuta la missiva, il presidente Rispoli ha disposto l’inserimento al primo punto dell’ordine del giorno della seduta di Consiglio convocata per il prossimo lunedì 28 settembre".

Etichette:

martedì 22 settembre 2009

Rosario Fiorentino, diamo speranza e fiducia al nostro futuro

Pubblichiamo il testo dell'intervento del vice sindaco di Sorrento Rosario Fiorentino al convegno della Lista Civica "Insieme per Sorrento".

"E’ arrivata l’ora delle decisioni. Per chi ama Sorrento come noi
E’ il tempo di svolgere una verifica a tutto campo e decidere le alleanze partendo dall’esperienza in corso con un chiaro programma di mandato. Sogniamo una Sorrento da migliorare, ma anche avviare cambiamenti strutturali in alcuni settori.
La NOSTRA LISTA CIVICA INSIEME PER SORRENTO è nata nel lontano 1995.
Si è fondata ponendo alla base valori e principi per costruire una CITTA’ SOLIDALE per affermare sempre e ovunque la dignità della persona umana. Crede: nella cultura; nel diritto ad un servizio ospedaliero efficiente; nella meritocrazia; nella passione come studio; nella solidarietà tra le persone senza alcuna distinzione; nel rispetto delle regole per tutti; nel diritto ad un lavoro dignitoso e sicuro; nell’affermazione dei diritti umani; nel diritto alla casa; nella diffusione delle nuove tecnologie; nella raccolta differenziata spinta con l’obbiettivo “rifiuti zero”; in una città su misura di bambino e di anziano; nel superamento di tutte le barriere; nei giovani come protagonisti di oggi e del domani. Per affermare questi diritti e obbiettivi, vogliamo liberare le energie migliori della politica e della società civile, creando insieme ad un ampia coalizione democratica, una squadra di persone, di uomini e di donne, che condividono le scelte per dare forza e slancio ad un autorevole governo cittadino , con un programma che indica le grandi opzioni e le priorità, per le prossime elezioni comunali del 2010.
Siamo impegnati a migliorare alcuni metodi di governo che hanno messo in difficoltà ruoli e funzioni degli organi comunali. Non c’è alcuna contraddizione tra il ruolo che rivestiamo oggi e l’ambizione di andare avanti e oltre.
Intendiamo riprendere lo slogan “LA CASA DI TUTTI ”, a partire dalle regole della trasparenza e della partecipazione alla vita amministrativa.
Siamo per allineare la nostra città agli altri Comuni d’Italiae recuperare i ritardi accumulati.
Siamo perché l’istruzione pubblica debba essere il principale e fondamentale strumento per la diffusione del sapere, la formazione, l’aggiornamento e la riqualificazione professionale. Guardiamo con interesse a ciò che si muove nel campo privato ed in particolare all’Università del turismo.
Siamo, perché ognuno possa costruire con fiducia il proprio futuro e realizzare il proprio sogno per la propria vita.
Siamo per un modello di sviluppo ecocompatibile.
Siamo per rimodellare le politiche del Piano Sociale di Zona.
Siamo per costruire una moderna macchina amministrativa in grado di competere con le sfide odierne e future.
SIAMO PER LA CONQUISTA DELLA FELICITA’.
Questi sono i nostri valori, i nostri obbiettivi strategici ed i nostri principi, perché diventino azioni concrete e positive, bisogna lavorare sodo con passione e insieme agli altri.
C’è uno stile di vita costruito sul consumismo che tutti siamo invitati a cambiare per tornare ad una sobrietà, segno di giustizia prima ancora che di virtù.
C’è una solidarietà umana da ritrovare nella nostra città perché chi vive momenti di difficoltà non si sente abbandonato ecco il perché di un progetto che tenga conto dell’economia solidale e dei dovuti cambiamenti nella conduzione del Piano Sociale di Zona.
C’è una nuova primavera fatta di volontariato, di cooperazione da far fiorire, perché insieme, solo insieme è possibile affrontare e superare le difficoltà che sperimentiamo e che si prospettano.
La solidarietà invoca anche sostegni materiali e risorse da destinare a chi è nel bisogno. L’atteggiamento che rende viva e autentica la solidarietà è la sobrietà. Tutti dobbiamo essere sobri: perché il cuore sia libero dalle ricchezze , per educarci ad investire e a spendere per ciò che è necessario e importante, e per condividere la nostra umanità e i nostri beni con chi è povero.

NOI CI SIAMO.

Siamo pronti a governare, ed è forte la nostra volontà per migliorare ,affrontare il cambiamento, nei contenuti programmaticie sulle cose concrete di tutti i giorni.
Siamo pronti ad assumerci come sempre le nostre responsabilità per dare voce e concretezza a ciò in cui crediamo.
Siamo pronti a condividere la sfida.
Siamo pronti a presentare la lista dei candidati alla carica di consigliere comunale.
Siamo pronti ad indicare il nostro candidato sindaco e/o le alleanze che dobbiamo e intendiamo costruire, per vincere la prossima competizione elettorale. Tutte queste verranno realizzate alla luce del sole, con pari dignità.
Per noi significa che la scelta del candidato sindaco, debba avvenire mediante il sistema delle primarie e/o altro modello che si ispiri ai principi della partecipazione e della condivisione.
Consentitemi di concludere rivolgendomi ai ragazzi e alle ragazze. Il prossimo anno il voto dei giovani di Sorrento potrà contare davvero qualcosa: potrà fare la differenza.
Il giovane che lo vorrà, potrà scegliere che il proprio voto sia determinante nell’affermazione di un nuovo modo di fare politica.
La volontà dei giovani è una forza inarrestabile, è come un fiume in piena che rompe gli argini e inonda tutto ciò che c’è attorno .Lo è stato in tante occasioni: durante la rivoluzione napoletana del 1799, durante i moti carbonari, nei moti risorgimentali, nella lotta di liberazione nazionale e nella storia recente. Non dobbiamo pensare che è storia passata ma che insieme alla saggezza di noi adulti,allora si che

DIAMO SPERANZA E FIDUCIA AL NOSTRO FUTURO.

OGNI PERSONA PER CONTARE DEVE PARTECIPARE.

Contattaci:
cell. 330654709 / tel. 0818071864 / fax 0815324469
e-mail : rfsorrento@tin.it / ass.fiorentino@virgilio.it

Etichette:

lunedì 21 settembre 2009

Post, sondaggi, commenti e polemiche....

Prendiamo spunto dal messaggio che pubblichiamo per sviluppare una riflessione su questa settimana politica, sul tentativo di strumentalizzare la nostra iniziativa di sondare gli orientamenti del popolo del web, sulle tante e-mail che ci sono giunte insieme ad altrettanti commenti sui nostri post.
Poichè questo "spazio" è nato per difendere la libertà di opinione e chi ha il coraggio di esprimersi senza condizionamenti e pregiudizi, abbiamo il dovere di tutelarlo perchè è troppo forte il tentativo di soffocarlo!
Questo il messaggio che ci è giunto e che abbiamo pubblicato nei commenti cui esso si riferisce:
"Invito questo blog a far calmare gli animi, questi scritti insolenti ed offensivi non ci piacciono. Stinga, Mastellone sono realmente brave persone che ci hanno messo la faccia per far capire ai sorrentini che bisogna aprire gli occhi. Le offese servono solo a dimostrare che, in fondo, hanno ragione. Andate avanti, tanto siete coerenti e lo siete stati dal primo giorno. Ma non offendete neanche i Moretti, i Pinto ed i Lauro.
gianfrancogargiulo1@gmail.com
"
Gestire il "libero pensiero" e le "opinioni" è impresa complessa, rischiosa soprattutto quando non si richiedono particolari formalità atte ad accertare l'identità della fonte.
Purtroppo dobbiamo rilevare che le libere opinioni sono ancora soggette alla censura e soprattutto alla ritorsione di chi gestisce un qualsiasi potere.
Per questo è così difficile strappare un'opinione o soltanto un pensiero alla gente comune e anche agli addetti ai lavori.
Se questa è libertà...
Non esiste più un dibattito politico, un confronto delle idee e delle opinioni perchè chiunque osa esprimere un'idea diversa, opposta o addirittura formulare un giudizio su fatti, persone ed eventi...rischia in prima persona!
Abbiamo provato a rilevare l'indice di gradimento del popolo del web su possibili candidati sindaci per la città di Sorrento che l'anno venturo sarà chiamata alle urne.
Un'iniziativa utile, a nostro avviso, per meglio comprendere le opinioni della gente...
Invece i soliti personaggi hanno voluto mortificare, adottando artifizi informatici, l'iniziativa perchè anche un sondaggio svolto su un modesto blog può incidere sugli orientamenti degli elettori.
Perciò sofistichiamolo, hanno pensato, così perde di credibilità questo blog.
Ma avete fatto i conti senza l'oste perchè a noi interessa poco o nulla di assendare questo gioco in quanto crediamo soltanto nella libera espressione delle idee e delle opinioni e ci batteremo sempre e comunque per tutelare questi spazi residui di libertà...
Sottolineiamo ancora una volta, per chi ha scarsa familiarità col web, che operiamo su una piattaforma informatica gratuita di google e le sue regole, con prerogative e limiti, diventano automaticamente le nostre.
Esse sono anche una garanzia sulla nostra affidabilità...Come abbiamo dimostrato annullando il sondaggio che qualcuno intendeva manipolare a proprio uso e consumo.
Domanda: a che serve vincere un sondaggio come il nostro sapendo che non si hanno quei consensi e quell'indice di gradimento popolare frutto di manipolazione informatica e non di libera espressione del gradimento?
Mica qualcuno pensa che avremmo proclamato miglior candidato sindaco colui che avrebbe ottenuto la maggiornza dei voti, prescindendo da una sua seria analisi ?
Così come crediamo che nessuno debba risentirsi per la pubblicazione di commenti che, sempre in base alla piattaforma in uso, ci giungono "anonimi" perchè come tali classificati.
Chi poi si vuol firmare lo fa...Quel che conta è che non abbiamo pubblicato nè pubblicheremo quei commenti palesemente offensivi o denigratori di persone...
Per tutto il resto confrontiamoci con la realtà, anche con i commenti sgraditi e sgradevoli, così apprezzeremo gli umoni e comprenderemo anche se esiste un sistema organizzato di controinformazione attivo allo scopo di mortificare la libera comunicazione.

Sorrento, la lista TORNA@SORRENTO promuove un incontro

SORRENTO - Inoltriamo il seguente invito a tutti gli iscritti al movimento civico TORNA@SORRENTO in collaborazione con la lista Sorrento di tutti. Venerdì prossimo 25 settembre alle ore 21,00 presso i locali dell'English Inn, si terrà un importante incontro per coordinare le prossime attività del nostro movimento "Sorrento di Tutti".
In particolare, saranno presentate ed approvate le iniziative previste per i mesi di ottobre-novembre, e saranno raccolte idee, critiche e proposte per lo sviluppo del nostro ampio programma in fase di costruzione.
La partecipazione di tutti coloro che hanno voglia di impegnarsi per il futuro della propria città, ed essere quindi parte attiva del movimento, è particolarmente importante e gradita!
Aspettiamo le vostre idee, le vostre critiche ed il vostro entusiasmo per costruire un progetto serio e lungimirante!

Etichette:

sabato 19 settembre 2009

Segnalazione di Goolge: violato il sistema per alterare il sondaggio. Per quanto ci riguarda lo annulliamo perchè alcuni candidati stanno bluffando!

Abbiamo rilevato una violazione in corso della rete a seguito di segnalazione da parte di Google relativamente al nostro sondaggio. I Responsabili dell'imbroglio sono stati identificati e saranno denunciati per violazione del sistema e per reati connessi. Pubblichiamo di seguito la info recapitataci da Google e a questo punto sospendiamo il sondaggio per la tutela del nostro sito, della nostra credibilità e per rispetto dei nostri affezionati lettori.

Comunicazione Google
Problemi di connessione: Pagina "Ci scusiamo" per retiStampa
La pagina del CAPTCHA alla quale ti riferisci viene aperta da Google quando si verifica un improvviso picco di traffico su Google.it. L'immagine del CAPTCHA ci aiuta a stabilire se il traffico proviene da un software che utilizza un robot automatico oppure da singoli utenti. Tieni presente che la tua rete sta ricevendo questa pagina in quanto il nostro sistema sta rilevando query automatiche provenienti dall'indirizzo IP della tua rete.
L'invio a Google di query automatiche di qualsiasi tipo rappresenta una violazione dei nostri Termini di servizio. Per maggiori informazioni sui Termini di servizio di Google per uso personale, consulta la pagina http://www.google.com/terms_of_service.html. Tieni presente che l'espressione "invio di query automatiche" include, tra le altre cose:

* l'uso di qualsiasi software che invii query a Google al fine di stabilire in che modo un sito o una pagina web "si posiziona" su Google per ricerche di vario tipo;
* l'esecuzione di "metaricerche" su Google e
* l'esecuzione di ricerche "offline" su Google.

È probabile che un utente della tua rete stia violando i nostri Termini di servizio eseguendo uno dei programmi sopra indicati. Dopo aver identificato l'utente e dopo che l'utente avrà rimosso il programma in oggetto, il tuo indirizzo IP verrà automaticamente riabilitato.

Ci scusiamo per l'eventuale disagio e ci auguriamo che tu torni a utilizzare presto Google.it per le tue ricerche.

Il PDL punta su Stinga candidato sindaco di Sorrento

SORRENTO - Il PDL sorrentino potrebbe puntare sul suo coordinatore Giuseppe Stinga quale candidato sindaco alle prossime amministrative con due liste a sostegno, una delle quali sarebbe quella di "Sorrento Nuova Associazione" del dott. Gaetano Mastellone. La seconda lista sarebbe capeggiata dall'avvocato Massimo Coppola, ex AN, che in caso di vittoria di Stinga verrebbe nominato vice sindaco. L'indiscrezione sarebbe trapelata a margine degli incontri che il PDL sta conducendo con i diversi attori della politica sorrentina alla ricerca di adesioni al nuovo corso del partito guidato, a Napoli, dall'On. Paolo Russo.
L'ipotesi di una candidatura a sindaco del Sen. Raffaele Lauro sarebbe stata accantonata e potrebbe rinascere qualora si registrasse un'unanimità del centro-destra sorrentino. In effetti alle prossime elezioni politiche la ricandidatura del Senatore non sarebbe assolutamente scontata e la sua elezione a sindaco di Sorrento verrebbe ripagata con un'importante nomina ministeriale da parte dell'On. Scajola di cui Lauro è il consigliere economico. L'operazione rientrerebbe nelle manovre in atto nel centro-destra alle prese con la costruzione del post-Berlusconi e con la nascita del nuovo grande centro targato Casini-Fini e che vedrebbe in prima linea l'attuale consigliere provinciale Pietro Sagristani nei panni del "candidato blindato" per un posto alla Camera dei Deputati.

Pubblichiamo la risposta pervenutaci da GAETANO MASTELLONE presidente di "SORRENTO NUOVA ASSOCIAZIONE":

Desidero intervenire non per commentare le "operazioni politiche fantasiose" descritte ed immaginate dal Blog "politicainpenisola.blogspot.com" ma per chiarire alcune "cose" sull'Associazione Sorrento Nuova. Ai lettori più "attenti" non sarà sfuggito il mio articolo scritto sul mio Blog (www.mastellonegaetano.com) del 19/8/2009 nel quale anticipavo le future attività dell'Associazione. Sarebbe bene andarselo a leggere! Comunque sia, dichiaro che:
- l'Associazione Sorrento Nuova nasce come "officina di pensiero" per partecipare alla trasformazione della Città di Sorrento e racchiude giovani, donne ed uomini appartementi alla "società civile", cioè a chi ama "costruire il nuovo senza i vecchi schemi";
- l'Associazione non nasce come "semplice lista d'appoggio" per nessuno, nè al momento è nostra intenzione partecipare alla competizione elettorale che è ancora, nonostante le tante chiacchiere, nella sua fase embrionale;
- la prossima settimana verrà messo in rete il nuovo Sito Blog arricchito da tante "novità";
- nel corrente mese, oppure al massimo entro la metà di ottobre p.v., l'Associazione sarà regolarmente costituita dal Notaio.
Mi auguro che a questo punto non nascano ulteriori discorsi privi di concretezza ed, al momento, privi di ogni supporto di verità o di discussioni già avviate.
Come membro del direttivo del Pdl oramai posso anche confermare, in quanto nella provincia di "pulcinella" i segreti delle riunioni vengono diffusi da potenti altoparlanti dopo cinque minuti, che ieri sera abbiamo avuto una bella e produttiva riunione con il senatore Raffaele Lauro. Nel corso della affollata riunione non si è parlato nè di "nomi di candidati a Sindaco per il Pdl" nè di strategie, si è solamente discusso delle fasi operative di "start", cioè dell'accensione della macchina delle elezioni Sorrento 2010. Nulla di più! Ciò per la dovuta chiarezza che, a mio parere, è giusto che ci sia al fine di non far "sbandare" chi legge e chi segue la politica locale sia dai media che dai Blog.
Grazie dell'attenzione e tanti cari saluti a tutti

Etichette:

Sorrento, politica in fermento per le amminsitrative di primavera

SORRENTO - La politica sorrentina è in fermento in vista delle elezioni amministrative che ormai incalzano e hanno spinto tutti a premere sull'acceleratore rispetto ai tempi che si prevedevano più lunghi. La nomina di Rosario Fiorentino alla carica di vice sindaco è un atto significativo compiuto da Marco Fiorentino sempre più alle prese con il dilemma di individuare il suo successore. A questo punto proprio l'assessore vice sindaco potrebbe rappresentare la soluzione meno traumatica e garantire una continuità. Tra i fedelissimi del Sindaco la nomina di Fiorentino a vice a provocato qualche malumore: Paola Di Leva ha minacciato le dimissioni in segno di protesta, subito rientrate dopo un chiarimento col primo cittadino. Niente di personale con l'Assessore, ma l'investitura assume sicuramente un significato agli occhi della pubblica opinione e qualche bruciatura la provoca! Questa mattina Rosario Fiorentino ha in programma un incontro con il Sen. Raffaele Lauro e con la delegazione del PDL sorrentino guidata da Giuseppe Stinga per avviare una valutazione sullo stato dell'arte amminsitrativo e sulle possibili intese elettorali. Certo è che il PDL intende presentare una propria candidatura a sindaco supportata da liste d'area. Progetto che rischia però di naufragare se dovesse andare in porto l'operazione messa in campo dal consigliere provinciale dell'UDC Pietro Sagristani la cui aspirazione a diventare sindaco di Sorrento, in realtà, sarebbe più concreta di quanto appare e potrebbe coagulare molte forze e molti uomini col rischio di mettere all'angolo Marco Fiorentino.
In effetti quello di Sagristani è un affondo a Fiorentino in vista di future competizioni elettorali e il Consigliere provinciale può contare su un vasto schieramento di uomini, da Mariano Ponticorvo al collega provinciale Raffaele Apreda, e addirittura aree del centro-sinistra potrebbero alla fine confluire sulla sua candidatura. L'incontro con Ferdinando Pinto è infatti significativo dei possibili sviluppi della partita, con l'ex sindaco di Sorrento in predicato di decidere se scendere o meno in campo o se sostenere Sagristani. Le preferenze di Marco Fiorentino restano quelle di Giuseppe Cuomo, Costanzo Iaccarino anche se con quotazioni in calo mentre potrebbe irrompere sulla scene un altro imprenditore turistico di primissimo livello, Giovanni Russo, patròn dell'Hilton Sorrento Palace e dei Galli e di un'impero economico di primissimo piano.
Insomma una partita che vedrebbe comunque in campo lo stesso Marco Fiorentino che, ormai è convinzione generale, sarà comunque candidato alla testa di una propria lista.
Giochi aperti e dall'esito incerto...Dal canto suo il neo Vice sindaco sta consolidando una fitta rete di rapporti e di alleanze che ne fanno fuor di dubbio la pedina chiave della prossima campagna elettorale.

Etichette:

venerdì 18 settembre 2009

Sorrento Lingue e la Giornata Europea delle Lingue e dell'Interculturalità

SORRENTO - Anche quest’anno la Sorrento Lingue organizza la “Giornata Europea delle Lingue e dell’Interculturalità” nell’ambito delle celebrazioni indette dall’Unione Europea e che si celebra il 26 settembre in tutti i Paesi della Comunità. L’evento coincide con il decimo anniversario della fondazione della Sorrento Lingue, diretta da Cristiana Panicco, e che rappresenta uno dei centri più qualificati e accreditati a livello nazionale e internazionale per la formazione linguistica. L’open day organizzato per il 25 e 26 settembre anima l’ultimo week end di settembre offrendo in realtà una grande occasione per discutere, approfondire e confrontarsi su una tematica di sempre più stringente attualità: la piena integrazione socio-culturale ed occupazionale delle giovani generazioni nei paesi dell’UE ed extra europei. “Lingue passaporto per il mondo non è uno slogan – evidenzia la Panicco – perché conoscenza delle lingue straniere significa capacità di confrontarsi sugli scenari internazionali e possedere lo strumento basilare per interagire con la comunità degli interessi e quindi cogliere le opportunità che ci si presentano. Per questo come SL abbiamo sempre lavorato e continuiamo a farlo per formare i nostri allievi e renderli effettivamente competitivi sul mercato del lavoro oltre che dell’istruzione. Lo stesso per gli stranieri che vengono in Italia e che vogliono apprendere la nostra lingua per integrarsi ed apprezzare il nostro patrimonio di storia, di cultura, di arti, di tradizioni che rappresentano il viatico per un’effettiva integrazione sociale ed economica. Insomma imparare a comunicare e a farlo bene significa avere una freccia in più al proprio arco e poterla spendere nel modo giusto e più utile ai nostri progetti e desideri”.
L’edizione 2009 della giornata europea diventa così l’occasione per tutta la comunità della costiera, per il mondo della scuola e dell’università, quello associativo-imprenditoriale, professionale e dei servizi alla pubblica amministrazione per conoscere l’Istituto, la sua dirigenza, il suo staff e soprattutto la sua proposta formativa e didattica. Inoltre giovedì 24 si svolgerà alle 10.30 nella sala del consiglio comunale di Sorrento la conferenza stampa di presentazione del programma con la partecipazione dell’Assessore Regionale della Campania alla P.I. e Formazione, l’On. Corrado Gabriele, insieme ai rappresentanti delle istituzioni locali che hanno patrocinato l’iniziativa. Sabato al Teatro Tasso si terrà il convegno conclusivo con la partecipazione di docenti, accademici ed esperti a livello nazionale delle tematiche legate all’interculturalità ed ai programmi di formazione e di specializzazione nelle lingue straniere.
“Sono particolarmente soddisfatta di come in questi due anni siamo riusciti ad animare un evento che non si celebrava in alcuna realtà della provincia di Napoli – conclude Cristiana Panicco – Questo ci permette di sintonizzarci simbolicamente su una direttrice europea e testimoniare non solo una presenza attiva, ma un dinamismo socio-culturale che credo rappresenti la chiave interpretativa più idonea per leggere correttamente quelli che sono stati i nostri dieci anni di lavoro a Sorrento, gli apprezzamenti che abbiamo raccolto in ambito nazionale ed internazionale essendo riusciti a creare e ad animare un network prestigioso che ci permette di essere protagonisti effettivi del nostro quotidiano nel mondo globale. Perciò ringrazio tutti coloro che in questi anni hanno collaborato con la SL credendo nella nostra proposta e mi auguro che riusciremo a fare sempre più sistema tra di noi per vincere la sfida della competitività culturale, ancor prima che economica”.

Etichette:

Rivellini (PDL): SANITA’, NUOVA LOTTIZZAZIONE. STAMANI NUOVI DIRETTORI GENERALI

L’europarlamentare del Pdl Enzo Rivellini, eletto nella circoscrizione Italia Meridionale, ha rilasciato la seguente dichiarazione: «Benché ci sia un regime di commissariamento per la sanità, uno sforamento nei conti del sistema, un aperto conflitto istituzionale tra Regione e Stato centrale, Bassolino & C. non finiscono di stupire per la loro arroganza.
Proprio in queste ore, infatti, si stanno firmando i decreti di nomina dei nuovi direttori generali sia con la designazione degli attuali commissari delle Asl, che avranno un contratto privatistico di 5 anni, sia con la designazione dei nuovi manager nelle altre aziende sanitarie ed ospedaliere.
Mi chiedo: è corretto, a soli pochi mesi dalle elezioni, procedere con colpi di mano di queste genere ? E’ corretto nominare con contratti di 5 anni manager sanitari bocciati dalla prova dei fatti e che saranno in contrasto con la prossima giunta regionale ? Ma Bassolino non era l’uomo che al di là degli schieramenti si vantava di essere rispettoso dei ruoli e delle istituzioni ?
Stamani sono intervenuto ad un convegno sul trauma center al Cardarelli ed ho dovuto constatare che Bassolino e la sua giunta si affrettano a nominare i direttori generali delle Asl e si dimenticano di fare, nel più grande nosocomio del Sud, per i reparti delle emergenze (trauma center, ecc.) i nuovi primari.
Infatti circa una decina di primari nei reparti dell’emergenza al Cardarelli sono a “mezzo servizio” perché sono o “facenti funzioni” o “a scavalco”. Non sarebbe quindi più corretto fare in modo che al Cardarelli si facciano concorsi aperti a tutte le professionalità italiane ed estere applicando la meritocrazia invece che prestare attenzione solo alla lottizzazione politica e nominando manager chi come unico merito ha quello dell’appartenenza al vicerè?».

Etichette:

A Villa Fondi due uova di dinosauro risalenti a 120 milioni di anni fa

PIANO DI SORRENTO - La notizia delle due uova di dinosauro risalenti al periodo Cretaceo, cioe circa 120 milioni di anni fa e custodite nel Museo di Villa Fondi, ha fatto il giro del mondo e rilancia vigorosamente l'immagine di questa piccola realtà museale nata a metà degli anni 90 grazie alla ricostruzione della Villa De Sangro di Fondi, distrutta dal terremoto dell'80, ma acquistata e ricostruita dal Comune di Piano di Sorrento che ne è il proprietario insieme alla splendida macchia mediterranea che fa da cornice al complesso in bella vista sul Golfo di Napoli. I reperti furono rinvenuti nel 2006 dai Carabinieri preposti alla tutela del patrimonio culturale della penisola sorrentina in unìabitazione privata dove erano state evidentemente conservate illegalmente. E' presumibile che potessero provenire dagli scavi effettuati nella stessa area della Villa o in quella archeologica nella frazione di Trinità e sottratte all'autorità.
L'archeologa Tommasina Budetta, direttrice del Museo di Villa Fondi, intuiì subito che dovevasi trattare di reperti eccezionali e trasferiti al Museo Antopologico della Federico II è stato possibile accertarne la natura e risalire all'epoca cretacea.
Custodite a Piano di Sorrento, le uova di dinosauro rappresentano un importante documento archeologico che può rilanciare il Museo di Villa Fondi in chiave turistica e scolastica.
Dipenderà anche dagli Amministratori locali riuscire a valorizzare, insieme alla Sovrintendenza Archeologica, l'eccezionale reperto.

giovedì 17 settembre 2009

Vico Equense, la posizione del Sindaco Cinque

Le lezioni riprendono in modo regolare, si forma un comitato di genitori ad Arola a sostegno del piano proposto dal Comune

“Le lezioni sono riprese in modo sostanzialmente regolare su tutto il territorio cittadino– ha detto il sindaco di Vico Equense Gennaro Cinque - gli alunni delle scuole materne di Arola sono entrati nei locali dell’edificio parrocchiale, mentre quelli delle medie hanno seguito le elezioni nel plesso di Fornacelle, anche gli alunni della scuola primaria di Montechiaro sono entrati nel plesso capoluogo, così alla fine la stragrande maggioranza dei genitori ha accettato quanto stabilito nell’accordo siglato in Prefettura lo scorso 15 settembre con il dirigente scolastico regionale, il parroco Don Mimmo Leonetti e l’amministrazione comunale. Questo anche per fare giustizia dell’opera di disinformazione scellerata fatta negli ultimi giorni”.
“ Per quanto riguarda, poi, il piano di razionalizzazione predisposto dal Comune chiariamo che non c’è nessuna speculazione affaristica in corso che punta a chiudere le scuole per realizzare centri benessere o altro – ha continuato il primo cittadino – questa è disinformazione scellerata e strumentale. Si tratta di vicende distinte e separate. Le scuole che sono state chiuse non avevano il numero di alunni richiesti da una legge che è del ’98. Nella scuola elementare di Montechiaro erano iscritti per l’anno in corso 36 bambini, in quella di Fornacelle 39, 34 alunni, invece, a Ticciano. Il numero ridotto ha determinato la necessità di organizzare la didattica in pluriclassi, quindi mettendo insieme alunni di età diverse e cumulando tra loro vari percorsi educativi con un’offerta formativa considerata da tutti gli esperti del settore a dir poco superata. Gli alunni dei plessi chiusi- quindi quelli di Ticciano e Montechiaro - potranno utilizzare il servizio di trasporto messo a disposizione dal Comune al costo di 5 euro mensili e così percorrendo solo pochi chilometri avranno modo di frequentare scuole dotate di strutture adeguate e con programmi adatti a ciascuna fascia di età. Per quanto riguarda i progetti di finanza, invece, si tratta di alcune ipotesi presenti nel piano triennale delle opere pubbliche, nel quale sono state operate scelte solo indicative, ed il cui obiettivo è quello di realizzare momenti di sviluppo economico per le borgate in strutture di proprietà comunali. Come amministrazione siamo aperti anche ad altri suggerimenti. Da ultimo mi preme far presente che il trasferimento delle scuola media di Arola nel plesso di Fornacelle è finalizzato a realizzare un polo scolastico nella stessa borgata. Ciò al fine di consentire la costruzione di una nuova scuola ad Arola in grado di ospitare gli alunni delle materne, medie ed elementari nel giro di due anni. Non si tratta di chiacchiere, come dice qualche seminatore di zizzania, visto che il progetto preliminare per dieci nuove aule è stato approvato. A questo punto attendiamo il passaggio in commissione edilizia il prossimo cinque ottobre e siamo fiduciosi di assegnare i lavori entro gennaio del prossimo anno. Il tutto avendo già reperito i fondi necessari. In questi giorni è emersa un’altra importante novità con la formazione di un comitato di genitori nella borgata di Arola a sostegno del piano di riorganizzazione proposto dal Comune. “ crediamo nell’operato dell’amministrazione comunale e nell’articolazione del suo progetto scolastico, compresa la previsione dell’imminente avvio dei lavori per realizzare la nuova scuola media nella borgata di Arola” hanno scritto in un documento sessanta genitori. Tutto ciò con l’obiettivo di dar voce “ a quanti non accettano l’opera di strumentalizzazione politica in corso, alla luce dei recenti avvenimenti sul trasferimento del plesso scolastico della scuola media di Arola dai locali di proprietà della parrocchia a quelli di Fornacelle di proprietà del Comune”.

Etichette:

mercoledì 16 settembre 2009

Sorrento Nuova Associazione...un logo elettorale?

Sorrento Nuova Associazione è il movimento civico fondato da Gaetano Mastellone, esponente del PDL sorrentino ma soprattutto animatore di una importante comunità sul web che spazia tra blog, network come facebook e vari siti d'informazione che hanno sviluppato un circuito informativo molto importante e alternativo a quelli tradizionali. L'Associazione ha avviato un restyling, a partire dal logo, e adegua alle nuove esigenze il sistema comunicativo ideato dal dott. Mastellone e dalla sua community. Il nuovo logo potrebbe comparire nella prossima competizione elettorale amministrativa in rappresentanza di un variegato universo di quella società civile vicina al centro-destra e che potrebbe non identificarsi in un PDL alla ricerca di un'identità dopo la fusione tra Forza Italia e Alleanza Nazionale.
Un matrimonio sicuramente mal riuscito e che potrebbe portare a un prossimo divorzio.
Occhi puntati sull'assise del 4 ottobre che dovrebbe eleggere i nuovi quadri dirigenti del PDL per affrontare la prossima, ormai imminente, campagna elettorale.

Etichette:

A Piano Ruggiero si rafforza e si prepara al rusch finale di legislatura

PIANO DI SORRENTO - Nuovi equilibri e nuovi rapporti di forza in consiglio comunale dove il sindaco Giovanni Ruggiero si appresta a incassare l'appoggio esterno di 4 consiglieri di opposizione: Alberto Maggio, Antonio Russo, Antonio Borrelli nonchè della consigliera Marilena Alberino. I primi tre compongono un gruppo a sè stante e avrebbero maturato la decisione di assicurare un appoggio esterno a Ruggiero alla luce dell'operato del Sindaco e della sua disponibilità a recepirere proposte e a realizzare iniziative suggerite dai consiglieri nell'interesse del paese. Si attende perciò la presentazione di un formale documento a riguardo che costituisce un'importante novità politica a circa un anno e mezzo dalle elezioni comunali. La consigliera Alberino dovrebbe invece andare ad occupare la poltrona di assessore nell'esecutivo di Ruggiero al posto dell'attuale assessora Rosa Russo che avrebbe espresso l'intenzione di dimettersi per poter svolgere meglio il proprio lavoro di comandante dei vigili urbani a Massalubrense. Una scelta che garantirebbe anche il rispetto delle "pari opportunità" negli organi amminsitrativi e che premierebbe anche la scelta della Alberino di mantenere un profilo autonomo rispetto a tutti gli altri colleghi di minoranza.
All'opposizione restano quindi il gruppo di Giovanni Iaccarino, Maurizio Gargiulo e Daniele Acampora che interpretano un ruolo anti-Ruggiero e starebbero lavorando con l'ex difensore civico e leader di "in città c'è movimento" Gaetano Maresca insieme all'ex sindaco Luigi Iaccarino per preparare una lista alternativa a quella di Ruggiero, magari traghettando in squadra qualche ex amministratore come Fortunato Greco e addirittura un eccellente della maggioranza in predicato di vestire i panni dello sfidante diretto di Ruggiero.

Etichette:

martedì 15 settembre 2009

Proposte del Sen. Lauro su diritto di voto e cittadinanza agli immigrati

Apc-Immigrati/Lauro(Pdl):Diritto voto dopo 8 anni,12 per cittadinanza
Senatore maggioranza presenta due ddl a Palazzo Madama

Roma - 15 set. (Apcom) - "Il diritto di voto alle amministrative dopo otto anni e la cittadinanza italiana dopo dodici, esito di un processo di integrazione e non graziosa concessione". Lo chiede il senatore del Pdl Raffaele Lauro che ha presentato due nuovi disegni di legge, uno di modifica costituzionale dell`art.
12 della Costituzione e l`altro sulle nuove modalità di acquisto della cittadinanza da parte degli immigrati stranieri.
"La cittadinanza italiana - dichiara Lauro - deve essere l'esito di un processo di integrazione, che implica la volontà di appartenenza del soggetto richiedente, e non una graziosa concessione, ammantata di falso progressismo, che prescinda del tutto da quella volontà. In coerenza con tale impostazione, il periodo di residenza legale sul territorio della Repubblica è fissato in dodici anni e non più di dieci, come è attualmente. Il periodo di tempo necessario per l`ottenimento della cittadinanza italiana, però, viene qualificato e arricchito di contenuti educativi, che sostanziano la cittadinanza di valori sociali e culturali. Al termine dell`ottavo anno, lo straniero riceve un certificato che gli attribuisce il fondamentale diritto civico del voto, limitato alle elezioni amministrative degli Enti Locali (Provincia, Comune). La concessione del certificato è subordinata ad una puntuale verifica della conoscenza della lingua e delle istituzioni della Repubblica, nonché della cultura nazionale e locale, nonché delle tradizioni storiche, religiose, sociali del territorio, nel quale lo straniero aspirante alla cittadinanza si è inserito. L'autorità competente all'adempimento di tale funzione di verifica è l'Arma dei Carabinieri. Decorsi quattro anni dalla consegna del certificato, senza ulteriori formalità, se non quelle previste dalla legge vigente, allo straniero è concessa la cittadinanza italiana, qualora non sia stato sottoposto a procedimento penale. L'eventuale sottoposizione a procedimento penale, infatti, rappresenta un indizio particolarmente grave, da cui si evince che lo straniero non ha compiuto adeguatamente il percorso di integrazione e non ha introiettato, in modo pieno, quella cultura della legalità, propedeutica all`ottenimento della cittadinanza. Infine è prevista anche l`abrogazione dell`acquisto della cittadinanza tramite matrimonio. Al coniuge, straniero o apolide, di cittadino italiano è rilasciato, esclusivamente, un certificato di residenza, previa verifica della reale convivenza".

Red/Luc

151617 set 09

Vico Equense, sulle scuole accordo raggiunto in Prefettura

VICO EQUENSE - Questo pomeriggio si è tenuto un incontro presso la sede della prefettura in Napoli tra il capo gabinetto della Prefettura Dottoressa Basilicata, il sindaco di Vico Equense Gennaro Cinque, il dirigente scolastico regionale Alberto Bottino, il dirigente scolastico del II circolo di Vico Equense Benito Capossela, il parroco della borgata di Arola Don Mimmo Leonetti e l’avvocato Angela Aiello in rappresentanza del comitato dei genitori e un dirigente dell’assessorato regionale alla Pubblica istruzione. Al centro dell’incontro la difficile situazione che vive il mondo della scuola nella città di Vico Equense per la divergenza di posizioni che si è registrata sul piano di accorpamento scolastico posto in essere dall’amministrazione comunale al fine di assicurare una migliore offerta formativa in strutture ottimali agli alunni di alcune scuole cittadine. Tale piano è contestato da una parte dei genitori che non hanno fatto entrare i propri figli negli edifici scolastici. Dopo una lunga discussione è stato raggiunto tra le parti un accordo sottoscritto da tutti i presenti. L’intesa prevede l’impegno da parte dei genitori a consentire l’ingresso degli alunni negli edifici scolastici indicati nel piano del Comune. Dal canto suo, l’amministrazione comunale si impegna a realizzare – nell’arco di un mese – i lavori necessari per l’adeguamento dei locali posti al primo piano dell’edificio parrocchiale presente nella borgata in modo tale da consentire agli alunni della scuola materna, media ed elementare di rimanere nel plesso di Arola. Inoltre, l’accordo prevede l’autorizzazione per i dipendenti comunali ad entrare negli edifici scolastici di Ticciano e Montechiaro – ad oggi bloccati da alcuni genitori – per ritirare banchi e suppellettili.
“E’ un gesto di buona volontà e di pacificazione – ha detto il sindaco Gennaro Cinque – che intendiamo portare avanti con il pieno coinvolgimento dei genitori, che incontrerò nella giornata di sabato presso la scuola di Fornacelle per illustrare loro, fuori da ogni strumentalizzazione politica, i vantaggi ed i termini del programma predisposto dall’amministrazione comunale. Inoltre, tengo a precisare che il 19 giugno scorso abbiamo approvato il progetto preliminare per realizzare la nuova scuola media di Arola e reperito anche i fondi necessari. Questo per fare giustizia di tante illazioni prive di senso circolate in questi giorni”

Etichette:

lunedì 14 settembre 2009

Emergenza Fincantieri, la dichiarazione del Sen. Lauro

In relazione all'incontro, sui problemi dei lavoratori Fincantieri di Castellammare di Stabia, tenutosi oggi, presso il Ministero dello Sviluppo Economico, tra Fincantieri e Sindacati, il sen. Raffaele Lauro (PdL), consigliere del Ministro Scajola, ha espresso soddisfazione per i risultati della prima riunione ed ha dichiarato: "E' stato avviato un fattivo percorso, con tappe programmate, per affrontare e risolvere la questione dei lavoratori dell'indotto, delle commesse destinate ai cantieri di Castellammare e del nuovo bacino di carenaggio, attraverso un accordo di programma".

Etichette:

Sondaggio...Se son voti fioriranno!

Abbiamo ricevuto dal dott. Gaetano Mastellone la nota che pubblichiamo con la sua richiesta di essere escluso dal sondaggio.

"Spettabile Redazione del Blog “Politica in Penisola",
chiedo scusa se intervengo nell’acceso dibattito che in questi giorni ha “infuocato” il Vostro Blog per effetto della miracolosa “notte dei voti” dello scorso giovedì 11 e venerdì 12 settembre. Già in data 9/9/2009 avevo scritto una dichiarazione sul mio Blog (www.mastellonegaetano.com) quasi anticipando ciò che è accaduto. Questi sondaggi su "Sorrento 2010" sono utili per “animare il dibattito” ed infatti anche il sottoscritto, e Sorrento Nuova Associazione, li stiamo proponendo ma con risultati “di click” non elevati come quello del Vostro interessantissimo Blog. Sin dall’inizio ho dichiarato che non mi sono mai sentito in “competizione sondaggistica” con i “miei amici” i cui nomi sono stati scelti da Voi autonomamente. Il mio pensiero in merito a questo “sondaggio” è che mi sento partecipe al 100x100 dei “voti elettronici” che ho visto indicati nella classifica del Blog sino alle ore 23 del giorno 11 settembre 2009, dopo certamente no! A questo punto chiedo la cortesia al Vostro Blog, pur ringraziandoVi di avermi inserito fra i nomi dei “candidati elettronici”, di eliminarmi dalle “gare successive” in quanto non sono disposto a partecipare “ad una lotteria senza significato politico o scientifico”.
Nel ringraziare per l’attenzione porgo cordiali saluti.
Gaetano Mastellone"


Quando abbiamo proposto questo sondaggio senza alcuna pretesa ma per testare gli umori del web (come tanti altri peraltro riscontrabili nell'archivio del blog) non abbiamo chiesto ai candidati che proponiamo la loro disponibilità a parteciparvi o meno. In effetti la scelta stessa dei candidati è frutto di un'autonoma valutazione redazionale da parte di attenti osservatori e critici della comunità sorrentina e peninsulare. Diversamente non avrebbe senso proporre alcunchè su questi siti dove, nel caso specifico, si confida anche nel buon senso di coloro che partecipano alla "kermesse".
Altri candidati o loro sostenitori hanno avuto ed espresso perplessità sull'andamento dei voti che, abbiamo spiegato, è indipendente dalla nostra volontà e dal nostro condizionamento informatico in quanto si utilizza una piattaforma goolge.
Se poi i soliti furbi utilizzano tecnici informatici per alterare il risultato di un sondaggio lasciamo a loro soltanto la soddisfazione di questa manipolazione. Il problema è che non sono in grado di condizionare il nostro giudizio sul sondaggio e sui personaggi che abbiamo ritenuto di proporre, per cui la manipolazione del voto aritmetico non ha davvero alcun senso.
Non avendo alcun interesse il nostro Blog ad alterare i risultati del sondaggio, riteniamo che ognuno è libero o meno di giocare la partita, al primo, al secondo o al terzo turno che abbiamo annunciato.
Diversamente ne risulterebbe tradito lo spirito stesso di questo spazio.
A "gioco" avviato non è simpatico ritirarsi proprio perchè non ci si è presentati e quindi occorre accettare le regole del gioco!
Lasciamo che ciascuno faccia il proprio di gioco perchè...se son voti fioriranno!
Si tratta soltanto di aspettare la prova delle urne: allora sarà chiaro qual è stato il vero bluff!
Non si dispiaccia il dott. Mastellone che stimiamo e apprezziamo: la politica è fatta anche di questo, forse soprattutto di questo e altro e se intende giocare la partita su questo scenario e con questi attori dev'essere preparato a tutto, proprio a tutto per competere e tentare di vincere.
In bocca al lupo a tutti e alla fine, siatene certi, il commento al risultato del sondaggio sarà oggettivo e soprattutto...spietato!

Etichette:

Sondaggio per il miglior candidato sindaco...la nuova terna sfida i primi tre classificati

SORRENTO - Si è chiuso il nostro sondaggio sul possibile "miglior candidato sindaco" per Sorrento con i seguenti risultati per complessivi 2325 voti:
: Rosario Fiorentino, assessore comunale (civico), con il 37% dei voti (868)
: Emilio Moretti, consigliere PDL, con il 30% dei voti (710)
: Gaetano Mastellone, libero profesisonista PDL, con il 23% dei voti (551)
Passano al secondo turno che propone tre nuovi candidati:
- Raffaele Apreda, consigliere comunale e provinciale;
- Fernando Fiorentino, medico e fratello dell'attuale sindaco Marco;
- Mariano Ponticorvo, consigliere comunale civico.
Per questo sondaggio abbiamo previsto tre turni con l'intento di mettere a confronto 9 nominativi della medesima area politica (centro-destra).
Pertanto la seconda terna andrà a confrontarsi nell'ultimo turno con i tre candidati non classificati della prima sfida: Giuseppe Stinga (7& con 169 voti), Pietro Sagristani (0% con 22 voti) e Costanzo Iaccarino (0% con 5 voti).

Etichette:

domenica 13 settembre 2009

Il 19 settembre si manifesta per difendere la libertà di stampa e di opinione...

La manifestazione romana del 19 settembre in difesa della libertà di stampa contro ogni forma di condizionamento e di censura non è solo testimonianza di solidarietà nei confronti di chi ha subito o sta subendo le "ritorsioni" del potere politico, quanto l'occasione per gridare un fermo no a chi non sa e non vuole o non può confrontarsi liberamente con le idee e con le opinioni degli altri.
Il potere che soffoca la libertà di espressione è un potere in crisi, incapace di rispondere coi fatti a chi ha la prerogativa della critica.
L'Italia non sembra più essere un paese normale perchè la politica non è governo degli interessi generali, piuttosto strumento di scontro senza esclusione di colpi per tutelare interessi di clan che si contrappongono e utilizzano la cosa pubblica per combattere la loro battaglia.
Solo i cechi e i collusi possono non vedere e non capire!
Per esempio quello che sta succedendo alla RAI richiede una risposta forte da parte della pubblica opinione: la RAI è la TV di Stato, ma lo Stato non è solo chi è investito di cariche pubbliche e dei relativi poteri; lo Stato siamo tutti noi che paghiamo le tasse e nel caso il canone.
Se il potere vuole "normalizzare" a proprio uso e consumo la RAI allora rifiutiamoci di pagare il canone.
Basterebbe questa forma di civile protesta per costringere i governanti a scegliere che cosa fare: senza soldi non si cantano messe e la RAI deve scegliere se fare la parte che gli compete o essere asservita al potere di turno.
Ci siamo stufati dei Bondi, dei Brunetta dei Bossi e Gelmini...Perciò rivendicando i nostri spazi di libertà mandiamo un segnale forte al Capo del Governo: se continua di questo passo è destinato ad essere sconfitto...e di brutto.
Ben vengano allora i Fini, i Casini e i Montezemolo&Co per creare un nuovo centro...
A tutto c'è un limite e sentire il Ministro Bossi proclamare la futura secessione della Padania dall'Italia richiede risposte altrettanto forti se non vogliamo rischiare l'unità del Paese per colpa di un folle e ignorante che ricatta Berlusconi, come per la verità fa ormai troppa gente in Italia! E questo, credeteci, è un problema serio, molto serio.

sabato 12 settembre 2009

Territori in festival: SAGRE, ma quali quelle autentiche?

Il 25 settembre a Montecatini Terme si inaugura la terza edizione della manifestazione "Territori in festival" che propone una tavola rotonda su un tema che, quest'estate, ha suscitato molte polemcihe in tutt'Italia toccando anche la realtà della Penisola Sorrentina. Ci riferiamo alle sagre, per alcuni troppe e responsabili della diminuzione dei coperti nei ristoranti.
Ma quando si può parlare effettivamente di sagre? Che sono sono le sagre e come devono funzionare nel rispetto della tradizione, dei prodotti, della cultura gastronomica locale, della tutela dei consumatori?
Insomma argomenti scottanti che hanno mobilitato organizzatori di sagre da tutt'Italia per partecipare a quest'importante appuntamento che sarà diretto dal giornalista-gastronauta Davide Paolini.
Parteciperanno il Dott. Claudio Nardocci (Presidente dell’Unione Nazionale Pro Loco d’Italia), il Prof. Michele Corti (Coordinatore degli incontri Ruraplini) e il Dott. Aldo Mario Cursano (Vice Presidente Vicario Fipe-Confcommercio). Salvaguardare ed esaltare il patrimonio – genuino e autentico - della nostra variegata e straordinaria tradizione gastronomica e culinaria: è questo il principale obiettivo che la tavola rotonda cerca di analizzare e approfondire. Tentare quindi di individuare dove possa esistere un connubio perfetto tra l’autenticità della cucina e le tradizioni del territorio da cui questa proviene.
Un incontro che punta alla scoperta di quelle sagre che producono vere e proprie aggregazioni sociali intorno ad un obiettivo condiviso e comune: l’autenticità di quei prodotti che sostengono un rapporto genuino e autorevole con il luogo che li ospita.

Etichette:

venerdì 11 settembre 2009

Sant'Agnello, giunta in fibrillazione per il "rimpasto"

SANT'AGNELLO - Il rimpasto di giunta che il sindaco Gianmichele Orlando intende portare a compimento per riassestare l'Amministrazione riportando nell'esecutivo Giuseppe Coppola estromesso la scorsa primavera, sta procurando qualche mal di pancia tra i collaboratori del Sindaco. Contrario alla filosofia del rimpasto è l'assessore Pietro Gnarra che si dice pronto a rassegnare le dimissioni nella mani del Sindaco se questi dovesse decidere di perseverare nella strada intrapresa che mortifica coloro che hanno ottenuto maggior voti alle elezioni e che rappresentano l'asse portante dell'amministrazione stessa.
"Di questo passo si finisce dritti dritti alle elezioni anticipate - spiega Gnarra - e poi non ci si venga a dire che è solo colpa di Sagristani che, peraltro, non nasconde a nessuno le sue vere intenzioni sul futuro di Sant'Agnello". Secondo l'ex sindaco a uscire dalla giunta dovrebbe essere un suo ex fedelissimo, il ragioniere Giuseppe Coppola, non fosse perchè ricopre anche la carica di presidente della Seteap. Orlando non sarebbe daccordo e
dopo la nomina del presidente del consiglio con l'ingresso in maggioranza di Gianni Salvati e Mario Coppola c'è chi spinge per un "redde rationem" senza il quale, sostengono, il destino politico di Orlando potrebbe essere segnato a vantaggio di Sagristani che vorrebbe votare già nella prossima primavera anche per le comunali a Sant'Agnello e sta lavorando nel Paese, con le categorie produttive e con le forze professionali per mettere a punto una squadra nuova della quale proprio Gnarra potrebbe essere il numero due. In effetti Sagristani avrebbe recuperato il pieno controllo elettorale della frazione collinare di Fontanelle, feudo del vice sindaco Pasquale Esposito, per cui è pronto a un confronto elettorale che gli restituisca il governo della città. Del resto lo stesso Esposito sembra essere non più affidabile come una volta, ma il discorso vale per l'ex sindaco e quello attuale. Non a caso l'operazione potrebbe essere accelerata anche per alcune non gradite operazioni portate a termine dal personale comunale che, evidententemente, si starebbe dimenticando dell'ex sindaco a vantaggio di quello attuale: meglio perciò correre ai ripari e subito. Ecco perchè l'agguato politico al sindaco potrebbe scattare ancor prima del previsto.

Etichette:

Tre giorni di fuoco nel nostro sondaggio prima del secondo round!

Spett.le Redazione
in riferimento al post relativo alla manipolazione dei sistemi informatici
per il voto al sondaggio sul prossimo sindaco di Sorrento, il contenuto delle
dichiarazioni rese da Voi Redazione e gestori del sito, non può che far piacere
ed essere condiviso da noi gruppo di sostegno di Rosario Fiorentino. Infatti,
in concomitanza con l'avvio della campagna di promozione del voto al sondaggio,
abbiamo creato un gruppo su Facebook all'interno del quale coloro che hanno
votato hanno avuto la possibilità di iscriversi associando in tal modo un volto
a ciascun voto ed esprimento liberamete il proprio pensiero. Se infatti si
accede al gruppo "Sosteniamo Rosario Fiorentino, votiamo il sondaggio per il
prossimo Sindaco di Sorrento", è possibile riscontrare che il numero di voti
espressi corrisponde grosso modo al numero degli iscritti al gruppo,
realizzando anche in tale occasione di simulazione, tutto sommato divertente,
il pieno principio della trasparenza e legittimità del voto. Tale iniziativa è
stata realizzata anche con lo scopo di tutelare Voi Redazione che ci avete dato
la possibilità di metterci alla prova sui sistemi di comunicazione pubblica. Vi
chiedo di pubblicare tale intervento.
Grazie dell'attenzione
Marianna Di Martino


Alla luce di questo post, ci sembra giusto e doveroso fornire qualche ulteriore spiegazione sul sondaggio sul possibile candidato sindaco di Sorrento alla luce delle tante segnalazioni, commenti ed email che ci stanno pervenendo.
Abbiamo proceduto a una verifica tecnica sul sistema google a seguito di diverse indicazioni pervenute e, allo stato, possiamo affermare senza tema di smentitca che nessun "marchingegno" è possibile attuare per moltiplicare i voti in favore dalla medesima postazione in modo automatico.
Del resto chiunque può provare per rendersene conto!
Ogni persona, ed è altrettanto facile provarlo, può esprimere quotidianamente dal proprio computer un voto: moltiplicato per i 6 giorni di durata del sondaggio se ne deduce che al massimo ognuno può esprimere 6 voti in favore del medesimo candidato.
Se si dispone di più computer basta fare una semplice conta del rapporto postazioni/voti/giorni per tirare le somme.
Ci vogliono comunque tante persone che concorrono a conseguire il risultato, ancorchè organizzate, per cui alla fine, per dare una valutazione oggettiva al grado di consenso raccolto, calcoleremo i dati applicando un indice di riequilibrio (pari a 3) rispetto a tali presumbili fattori. Per intendersi c'è una valutazione oggettiva sul risultato data dal numero dei voti registrati ed una valutazione riequilibrata (cioè divisa 3).
Su questi due parametri esprimeremo le nostre valutazioni. Del resto, ci sia consentito, tutto siamo fuorchè inesperti delle tecniche elettorali e dei meccanismi di governo del consenso politico.
Altre operazioni, allo stato, non sono possibili per cui è chiaro che ad esprimersi sono tutti coloro che, in un modo o in un altro, vivono la comunità web e che, anche sollecitati dai candidati interessati, partecipano direttamente al test e concorrono legittimamente al risultato finale.
Un test che ha un suo valore specifico in quanto rapportato a un indice di gradimento mediato dalla rete e dalle comunità che ciascuno è in grado di animare, di vivere e di alimentare.
Altri nominativi parteciperanno al successivo test, sempre con lo stesso meccanismo, prima di giungere alla terza e ultima tappa di questo sondaggio indetto dal nostro blog.
Chi, tra i concorrenti-candidati, ovviamente sta puntando e punta a ottimizzare le proprie relazioni politico-elettorali per tramite il web chiaramente ha fatto i propri calcoli ed è preparato a mettere in campo una strategia comunicativa coerente con l'obiettivo.
Chi segue i canali tradizionali, per esempio i favori elargiti al proprio elettorato in cambio del voto, probabilmente non riuscirà mai a comparire in questi test pur riscuotendo consensi nelle urne. Noi stiamo valutando un parametro nuovo perchè siamo convinti che, non solo Sorrento ma anche le altre realtà locali, abbiano bisogno di novità e di cambiamento, soprattutto nei metodi di governo del consenso politico-elettorale.
Il nostro tentativo di testare una realtà comunicativa nuova applicata alla politica potrebbe dare risultare interessanti e imprevedibili per chi nè è estraneo, non certo per chi la vive.
Ormai senza partiti o organizzazioni tradizionali della politica, tutto questo mondo è lasciato alla più o meno felici intuizioni dei singoli e dei loro entourage. E a noi interessano questi nuovi soggetti e queste nuove metodologie di gestione del consenso...Scusate se è poco!

Etichette: